Squilli di tromba all'Open di Ferrara

6 giugno 2015
Open di Ferrara al Circolo Tennis Marfisa.
Vedere 4 ragazzi allenati dalla Max Tennis Time partecipare tutti insieme al torneo, è già una lieta notizia.
Sapere che il "pilota" della spedizione è Dylan Casini, fresco patentato, è un'ulteriore notizia.
Ma rimane sapere che cosa hanno poi fatto questi ragazzi.
Iniziamo con ordine dicendo che i 4 boys hanno dovuto passare le forche caudine del tabellone di terza categoria.
Edoardo Picchini (3.2) dopo aver sconfitto Enrico Barbini (6-3 6-1) e Gian Marco Rusticelli (6-3 6-1) si è qualificato per il tabellone finale sconfiggendo la testa di serie numero 1 e classificato 3.1 il giocatore Pier Paolo Veroni con il punteggio di 7-5 7-5.
Andrea Melchionda (3.3) ha sconfitto Nicola Buffo (6-4 6-1) ed il 3.2 Alex Ravaglia (6-1 7-6). Nel turno per qualificarsi al tabellone finale ha sconfitto la testa di serie numero 2 e classificato 3.1 il giocatore Mattia Ferrari (6-2 7-5).
Pier Paolo Sabattini (3.2) dopo Alessandro Gurrieri (6-0 6-1) si è preso la rivincita battendo il 3.2 Luca Spettoli, contro il quale aveva perso nel Trofeo Palmieri ad inizio anno, rifilandogli un eloquente 6-0 6-1. Al turno decisivo per accedere al tabellone finale ha battuto la testa di serie numero 3 e classificato 3.1 Rolando Binelli (6-1 6-2)
Dylan Casini ha sconfitto nell'ordine Raffaele Zammitti (6-0 6-2) e Piermarco Stabellini (6-4 6-0) per poi perdere di misura nel turno decisivo contro la testa di serie numero 4 e classificato 3.1 Michele Lorenzo Iftimie (6-3 4-6 6-2).
Nel tabellone finale Edoardo Picchini ha estromesso il 2.8 Alessandro Matteo Dapunt (7-5 5-7 6-3) per poi ritirarsi contro il 2.8 Alberto Boraso (5-3 rit).
Pier Paolo Sabattini ha perso contro il 2.8 Eddy Leardini (7-6 6-4).
Andrea Melchionda ha perso contro il 2.8 Marco Sorace Biagini (4-6 6-1 6-2).
Un bravo a tutti i ragazzi per l'impegno profuso e per i buon risultati ottenuti.
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso