Filippo Leonardi, semifinale a Maribor

7 giugno 2015
Maribor (in tedesco Marburg an der Drau, in italiano storico Marburgo sulla Drava) è una città della Slovenia, secondo centro più popoloso del Paese dopo la capitale Lubiana nonché capoluogo e maggiore città della regione della Stiria slovena.
Al Circolo Tennis TK BRANIK MARIBOR è andato in scena il Torneo Future da 10000$ dall'1 al 7 giugno.
Il nostro Filippo Leonardi al primo turno ha incontrato il giocatore Aljaz RADINSKI, un ragazzo sloveno di 20 anni con classifica mondiale 1300. Dopo un avvio non troppo esaltante (6-0 per l'avversario), il giocatore italiano ha sfoderato doti di tenacia e determinazione, armi che gli hanno permesso di imporsi con il punteggio di 0-6 7-5 6-4.
Al turno successivo ha dovuto affrontare il giocatore tedesco Daniel UHLIG giocatore che nel 2014 ha occupato la posizione 800 nel ranking Atp ed attualmente è 1200.
Al primo turno il giocatore tedesco si è reso protagonista dell'eliminazione della testa di serie numero 5 Maximilian NEUCHRIST.
Se nel primo incontro l'avvio di Filippo non era stato dei più rapidi, contro Uhlig si è trovato sotto 6-2 5-3 e servizio dell'avversario. Le quotazioni dei bookmakersa favore del nostro allievo, in quel momento erano molto basse, ma Filippo è andato oltre le statischiche e come una formichina ha recuperato il terreno per poi dominare nella terza frazione. Risultato finale 2-6 7-5 6-1.
Nei quarti di finale l'avversario di turno è stato il temibile Dusan LOJDA numero 1 del seeding e 290 al mondo ( nel 2010 ha occupato la posizione numero 160). Come spesso accade nel tennis, dopo due primi turni difficili e vinti in rimonta, contro la testa di serie numero 1 Filippo ha sfoderato una grande prestazione dominando l'incontro con il punteggio di 6-2 6-2, ma il destino non è stato benevolo con il nostro atleta.
Nell'ultimo punto della partita, sul match point per Filippo, Lojda ha attaccato sul rovescio dell'italiano, che in corsa ha effettuato un passante simile a quelli giocati il giorno successivo da Wawrinka contro Djokovic nella finale del Roland Garros. Punto fantastico ma nel continuo della scivolata, con il piede sinistro ha subito una storta, ruzzolando malamente nel campo. La soddisfazione di aver vinto la partita è stata condizionata dalla preoccupazione per la caviglia gonfia. Il resto della giornata Filo l'ha trascorsa dal fisioterapista.
Il dubbio di scendere in campo per giocare la semifinale, ma stringendo i denti e prendendo un antidolorifico, ha deciso di giocarsi il torneo fino alla fine.
Purtroppo, nonostante la grande volontà dimostrata, la semifinale contro il giocatore Lucas MIEDLER è stata condizionata dalla caviglia malconcia. Filo ha lottato per quello che ha potuto ma ha dovuto arrendersi all'avversario e soprattutto alla sua cavilgia, con il punteggio di 6-3 6-2.
Che dire, Bravo!! Rimane la certezza di aver raggiunto una consapevolezza di gioco per affrontare giocatori intorno alla 200a posizione al mondo e aver conquistato con i denti l'ennesima semifinale. Il cammino è ancora lungo ma Filo lo sta percorrendo alla grande. Dai Filo!
Questo sito usa cookie di terze parti. Leggi la nostra Informativa cookies oppure chiudi questo avviso